GLI AMICI DELLA CROCE GLORIOSA
("Les Amis de la Croix Glorieuse")

App. 1-7 App. 8-14 App. 15-16 App. 17 App. 18-22 App. 23-28 App. 29-34 App. 35-44 App. 45-49

IL GRANDE MESSAGGIO DI GESU

LA CROCE GLORIOSA

"Il Messaggio di Dozulé (seguito)"

QUINDICESIMA APPARIZIONE

Venerdì 5 aprile 1974, alle ore 15,40
Nella Cappella al posto dell'ostensorio si forma l'alone di Luce, poi Gesù appare con le mani tese come per accogliere Maddalena che l'ammira " tanto è meraviglioso. " Egli le sorride. E lei Gli domanda ad alta voce : " Se siete il Cristo, Perchè non vedo mai le vostre Piaghe ? " E' il Sacerdote che l'aveva incaricata di fare questa domanda.
Gesù continuava a sorriderle. " Quale dolcezza inesprimibile avvertivo in quel momento, non mi sentivo più sulla terra ", scrive. Gesù alza allora la mano destra e le dice :
" La Pace sia con voi. "
" Dite questo ad alta voce :

Poi, riprendendo il Suo atteggiamento normale e non sorridendo più, ha detto :
" Gesù domanda : perché questo turbamento, perché questi pensieri si levano in voi ? Voi Sacerdoti, che avete l'incarico di eseguire quanto da me è richiesto; è più facile gridare al miracolo vedendo sgorgare l'acqua della montagna, oppure sentire la serva del Signore pronunciare delle parole che non conosce ? O uomini di poca fede, ricordatevi della Mia Parola. "
La voce di Gesù era severa :
" Quelli che verranno nel Mio Nome parleranno delle lingue a loro sconosciute. "
Dopo un breve momento di silenzio e senza precisare di ripeterlo :
" Non abbiate alcun dubbio, alzatevi, toccate le Mie mani. "
Maddalena si è alzata, Gesù le ha presentato la Sua mano sinistra, poi la Sua mano destra, Lei scrive : " Ho dunque preso le Sue due mani nelle mie. " (Le persone presenti hanno visto Maddalena tendere le sue due mani : a destra, poi a sinistra di ciascun lato dell'Ostensorio, come per prendere le mani del Cristo.) Egli mi ha detto :
" Non abbiate più dubbi, uno spirito non ha mani, non ha carne. "
Maddalena si è rimessa in ginocchio al suo posto. Gesù le ha detto :
" Dite loro questo : (ella lo ripete ad alta voce) non abbiate più dubbi, è veramente Gesù Risorto che io vedo oggi per la settima volta. Gli ho appena toccato le mani. "
Poi rispondendo anche al desiderio di quelli che non sapevano dove scavare la vasca, Maddalena dice ad alta voce : " Signore, dove bisogna scavare per aver dell'acqua ? " Egli le ha risposto :
" La Croce Gloriosa innalzata sulla " Haute Butte ", vicinissimo al confine territoriale di Dozulé, nel punto esatto dove si trova l'albero da frutta, l'albero del Peccato, perché la Croce Gloriosa rimetterà ogni peccato. I suoi bracci devono drizzarsi dall'Oriente all'Occidente. Ogni braccio deve misurare 123 metri e l'altezza della Croce sei volte di più. E' a partire da questi 123 metri, luogo occupato dalla Croce, che si devono misurare i 100 metri... Poi, fate scavare una vasca di 2 metri per 1 metro e 50 e con una profondità di un metro. Fate un recinto. Ne uscirà dell'acqua."
Poi Gesù soggiunge :
" Se il vostro cuore è arido, vi sarà poca acqua e pochi saranno salvati. "
Poi ha detto :
" Vos amici mei estis si feceritis quae Ego praecipio vobis, dixit Dominus. "
(Siete Miei amici se fate ciò, che Io vi comando, dice il Signore.)
Soggiunge Gesù :
" Mettete la mano sinistra sul vostro cuore e ponetevi sopra la destra."
Quindi Gesù scompare. Maddalena ritorna al suo posto. Ha voglia di gridare la sua gioia, piange di gioia e dice al Sacerdote e a una persona presente, uscendo dalla Cappella : " Gesù è veramente vivente. Risuscitato in carne e ossa. Io gli ho toccato le Sue mani. Sono delle mani di carne come le nostre, sono tiepide... Avevo voglia di cantare... " Su sua richiesta, si canta il Magnificat. " Ho l'Ordine di non parlare, si deve obbedire ai Sacerdoti, ai Vescovi, è questo che mi ha trattenuta. Avrei voluto gridare la mia gioia a tutti per dare la gioia di Gesù Risorto a tutti coloro che dubitano. "

Venerdì Santo 12 aprile 1974
Nel pomeriggio, dopo l'accordo fra Suor B. e il proprietario del terreno, tre uomini scavarono la vasca. ( Scavato in quel venerdì santo il bacino fu in seguitò riempito di terra dal coltivatore.)

SEDICESIMA APPARIZIONE

Venerdì 3 maggio 1974 dalle ore 17,10 alle ore 17,25
Gesù si presenta con le mani protese verso Maddalena. Egli le sorride : lei è felicissima, resterebbe sempre nella Sua Presenza. Egli dice :
" Dite questo ad alta voce :
" Il Sacerdote non è in errore, quell'albero inclinato è il simbolo del peccato. Sradicatelo prima che ne compaiano i frutti e affrettatevi a far elevare al suo posto la Croce Gloriosa, perché la Croce Gloriosa rimetterà ogni peccato."
Maddalena dice : " Un istante dopo Gesù ha congiunto le mani sul Suo petto. Mi ha guardata tristemente, ho visto due lacrime scorrere dai Suoi occhi. In quel momento ho pianto anch'io, Gesù era così triste. " Dopo Egli ha detto :
" Sventura a tutta l'umanità se non ci sarà dell'acqua in questa vasca entro i 50 giorni che seguiranno i lavori, perché Satana impedisce la purificazione di un maggior numero. Ricordatevi della mia Parola, Io lascierò agire a causa della mancanza di Fede. "
Un momento dopo :
" Dite alla Chiesa che invii dei Messaggi al mondo intero e che si affretti a far erigere, nel posto indicato, la Croce Gloriosa e ai piedi un Santuario. Tutti verranno a pentirsi e trovarvi la Pace e la Gioia. La Croce Gloriosa o il Segno del Figlio dell'Uomo è l'annuncio del prossimo ritorno nella Gloria di Gesù Risorto. Quando questa Croce sarà elevata da terra, Io attirerò tutto a Me. "
Gesù soggiunge :
" Trovate undici persone in questa città benedetta e sacra, saranno i miei discepoli. Essi andranno di porta in porta nel Mio Nome a postulare per l'elevazione della Croce Gloriosa. Ed ecco gli ordini che deve rispettare ogni discepolo :
- Lavorate fino all'elevazione della Croce Gloriosa,
- Siate umili, pazienti, caritatevoli, affinché riconoscano in voi i miei discepoli.
- Non cercate alcun interesse personale, unicamente quello di far erigere la Croce Gloriosa, perché ogni uomo che sarà venuto a pentirsi sarà salvato. "

Gesù aggiunge, senza precisare di ripeterlo :
" Dite al Sacerdote che vi visito per la diciassettesima volta, perché la Croce Gloriosa è anche Gesù Risorto. "
Poi scompare.

- Nota : Invano il Sacerdote e Maddalena erano saliti insieme alla " Haute-Butte ", per tentare di determinare il luogo della Croce. Dopo si aiutarono con lampade elettriche puntate verso il cielo. Maddalena rimase alla finestra da dove aveva visto sei volte la Croce e diresse il Sacerdote che saliva sulla " Haute-Butte ". Egli raggiunse un piccolo culmine circolare delimitato da un fosso che è precisamente al limite del territorio di Dozulé. Restava da fissare su questo culmine il posto preciso, dove il Signore chiedeva di piantare la Croce. Il Sacerdote pensava che potesse essere al posto del melo inclinato. Ma non ne era sicuro e non dormì quella notte. Gesù qui conferma la giustezza del suo pensiero.

scattare su la figura per ingrandire
LE BASSIN DE LA PURIFICATION

Site Sacré

en chemin vers
la Haute-Butte

Bassin

La vasca era stata scavata contando 223 metri su una corda attaccata al tronco di quel melo. La venuta dell'acqua in quella vasca divenne la preoccupazione essenziale. Ci si dimenticò anche di recarsi sul luogo della Croce. Per quest'acqua che non veniva, si fece una novena dopo la Pentecoste.
Una notte Maddalena e Suor M. sognano che l'acqua è apparsa nella vasca e ne informano al mattino il Sacerdote che risponde : " Che bei sogni fate, Suora mia." Il giorno precedente verso sera si era accertato che nella vasca non c'era acqua. Tuttavia Maddalena sale sulla " Haute-Butte " e constata che l'acqua c'è e molta : 30 centimetri di altezza. La stazione meteorologica interpellata in proposito, conferna che nella notte precedente non ha piovuto e comunque una tale quantità d'acqua non poteva formarsi in conseguenza di una pioggia.

SEGUITO
App. 1-7 App. 8-14 App. 15-16 App. 17 App. 18-22 App. 23-28 App. 29-34 App. 35-44 App. 45-49

Per ogni corrispondenza :

GLI AMICI DELLA CROCE GLORIOSA
("Les Amis de la Croix Glorieuse")
171, rue de l'Université - 75007 PARIS (FRANCIA)
Permanenza : del Martedi al Venerdi giù da 14 a 17 ora
Assegno postale : 21228 53-E Paris (FFR)
   Tel. : 33 (0)1 47 53 06 23