GLI AMICI DELLA CROCE GLORIOSA
("Les Amis de la Croix Glorieuse")

App. 1-7 App. 8-14 App. 15-16 App. 17 App. 18-22 App. 23-28 App. 29-34 App. 35-44 App. 45-49
`

IL GRANDE MESSAGGIO DI GESU

LA CROCE GLORIOSA

Gesù de Nazareth parle aux Nations

DICIASSETTESIMA APPARIZIONE

Venerdì 31 maggio 1974, dalle ore 9,45 alle 10,05
Maddalena non aspettava la visita di Gesù poiché non era il primo venerdì del mese. Ma come tutte le mattine si reca alla Cappella per rendere visita a Gesù, dopo aver condotto i bambini a scuola. Poco prima della celebrazione dell'Eucarestia, Suor B. venne a cercare il Sacerdote per un malato. Egli si allontana assicurando di tornare entro breve tempo. All'improvviso, appare l'alone di Luce al posto del Tabernacolo. Era più ampio, pareva meno alto delle volte precedenti e sembrava aspettasse qualcuno.
Maddalena cerca Suor B. e le dice : " C'é qualcuno, ma non è Gesù " e vedendo apparire qualcuno " c'é qualcuno che però non conosco. " Maddalena aggiunge : " Mi sentivo bene nella Cappella, mentre le volte precedenti ero totalmente assorbita dalla visione del Cristo, insensibile a tutto ciò che mi circondava... "
" Questo personaggio sconosciuto teneva una specie di bandiera che aveva alla sua sommità una piccola croce; questa, come pure l'asta, erano dello stesso colore e risplendevano come oro. Sotto la croce un'orifiamma che sembrava di tessuto recava tre parole di cui ho creduto scorgere la prima e l'ultima: " QUIS... DEUS ". L'asta terminava alla sua estremità inferiore con una piccola punta a forma di lancia o di picca. Il personaggio pareva ricciuto con i capelli corti, somigliante ad un soldato. La sua tunica era corta, la sua mano destra teneva l'asta nel mezzo e una specie di cinghia serrava i suoi polpacci.
" Gli ho domandato : " Chi siete ? "

" Io vi saluto " E mi ha salutato con la testa.

" Sono Michele l'Arcangelo ed è Dio che mi manda.
Vedrete i Misteri del Redentore e ripeterete ogni frase
l'una dopo l'altra man mano che ve le detterò ".

Maddalena risponde : " Se è Dio che vi manda, vi ubbidirò. "

L'Arcangelo sempre presente le dice :

" Per Mysterium Sanctae Incarnationis Tuae. "
(Per il Mistero della Tua Santa Incarnazione)

E poi scompare. Maddalena dice :

" Ho visto qualcuno vestito tutto di bianco, in ginocchio. Ho pensato che fosse un angelo. Guardava una bella Signorina con uno scialle sulla testa. Alla vista dell'angelo ha salutato, mantenendo la testa inclinata, e ha posto le mani una dopo l'altra sul petto, nello stesso modo che il Signore mi ha insegnato. Ho notato particolarmente questo stesso gesto che mi ha impressionato. Qualche secondo dopo tutto è scomparso. "
Poi rivedo l'Arcangelo che mi dice :
" Per Nativitatem Tuam. "
( Per la Tua Natività )
L'Arcangelo scompare.
Maddalena vede allora un bambino in una culla di vimini o su della paglia a forma di culla ; molta gente intorno, in lunghe vesti, sembra guardarlo e ammirarlo... poi tutto sparisce. Rivede l'Arcangelo nello stesso posto, tanto da pensare, che sia rimasto sempre là (ma scompare dalla sua vista, per l'importanza del quadro vivente che le viene presentato.) E prima di sparire le dice :
" Per Baptismum et Sanctum Jejunium Tuum. "
( Per il Tuo Battesimo e il Tuo Santo Digiuno.)
Gesù è accompagnato da un uomo alto, ma meno alto di lui. E' rivestito di una specie di mantellina a peli corti. Vedo dell'acqua scorrere come un fiume. Quest'uomo tiene per il manico una scodella, prende l'acqua nel fiume e la versa sulla testa di Gesù ; dopo qualche istante Gesù si avvia per un sentiero in salita, e, giunto in alto si siede, incrocia le mani, alza gli occhi al cielo come per pregare, poi tutto sparisce. Rivede l'Arcangelo che dice :
" Per Crucem et Passionem Tuam "
( Per la Tua Croce e la Tua Passione )
Quindi scompare.
Gesù porta sulla spalla destra, penosamente, una croce molto pesante, camminando nel mezzo di un sentiero. Da ogni lato del sentiero una folla ride. Qualcuno alza la mano come per scagliargli qualche cosa. Gesù non cade nonostante il peso della Sua Croce. Ne sono rimasta sorpresa; a diverse riprese, ho creduto che stesse per crollare sul sentiero, povero Gesù. Poi l'immagine è scomparsa. L'Arcangelo si mostra di nuovo e dice prima di sparire :
" Per Mortem et Sepulturam Tuam."
( Per la Tua Morte e la Tua Sepoltura )
Maddalena vede Gesù sulla Croce, pare morto, la testa inclinata in avanti, il torso nudo, una larga piaga sul lato destro e sotto la piaga un filo di sangue coagulato, credo. Tre persone sono ai piedi della Croce, una da ogni lato guardando con tristezza il viso di Gesù. Quella nel centro è in ginocchio e stringe tra le sue due mani il piede della Croce, sembra che voglia baciare i piedi di Gesù che poggiano su un sostegno di legno. Maddalena piange. Maddalena rivede l'Arcangelo che dice :
" Per Sanctam Resurectionem Tuam "
( Per la Tua Santa Risurrezione )
In quel momento Maddalena rivede Gesù vivente, una grande gioia s'impadronisce di lei. Le appare come la prima volta alla sera del 27 dicembre 1972, sorridente con le mani tese verso di lei come per accoglierla e le dice :
" Sono Gesù di Nazareth, il Figlio dell'Uomo Risuscitato (e soggiunge) dai morti. " " Guardate le mie piaghe. "
Con la Sua mano destra ha scoperto il lato destro della sua tunica nonostante sia senza aperture. Maddalena ha visto allora una larga piaga che non aveva sangue. Sul dorso della mano destra ha visto un piccolo foro. Anche la Sua mano sinistra tesa verso lei aveva un foro nel palmo e anche ciascun piede era forato. Quindi le ha detto :
" Avvicinatevi e toccate il Mio Costato, "
Maddalena si e alzata, ha teso la mano destra e con l'indice e il medio ha toccato il bordo della ferita che sembrava profonda. Era tutta commossa e ha detto : " Signore, quanto hai sofferto per noi ! " Era triste al pensiero che Gesù aveva tanto sofferto per il mondo, per il peccato del mondo, l'ingratitudine del mondo, per noi tutti, poveri peccatori. Si è rimessa in ginocchio, Gesù ha ripreso la sua posizione abituale (le mani tese verso lei). La Sua tunica aveva ripreso la sua forma normale ed Egli le ha detto :
" Dite questo ad alta voce : ( Gesù le dettava ogni frase lentamente ed ella ripeteva.)
" Gesù chiede che venga diffusa in tutto il mondo la preghiera che vi ha insegnato. Chiede che la Croce Gloriosa e il Santuario siano costruiti entro la fine dell'Anno Santo. " (C'è un Anno Santo ogni venticinque anni e il 1975 e un Anno Santo.) " Perché sarà l'ultimo Anno Santo. Chiede che ogni anno sia celebrata una festa solenne nell'anniversario del giorno in cui Maddalena ha visto la Croce per la prima volta. Tutti coloro che con fede vi giungeranno per pentirsi, saranno salvi in questa vita e per l'eternità. Su loro Satana non avrà più potere alcuno. "
Qualche istante dopo e con voce molto grave :
" In verità, vi dico, il Padre Mio mi ha mandato per salvarvi e darvi la Pace e la Gioia. Sappiate che sono Amore e Compassione "
Poi aggiunge : " Questa è la fine del Mio Messaggio. "
Gesù era ancora là quando l'Arcangelo senza mostrarsi ha detto a Maddalena le parole seguenti, che ella ha ripetuto :
" Per admirabilem Ascensionem Tuam. "
( Per la Tua Ammirabile Ascensione.)
In quel momento Gesù ha alzato la Sua mano destra su Maddalena e le ha detto :
" Che la Pace resti con voi e con tutti quelli che vi avvicinano. "
Gesù ha abbassato la mano. Maddalena l'ha visto innalzarsi molto lentamente e lievemente, poi sparire. Maddalena rivede di nuovo l'Arcangelo che le dice :
" Per Adventum Spiritus Sancti Paracliti. "
( Per la venuta dello Spirito Santo, il Paraclito.)
Egli rimane e dice :
" Gesù vi ha appena lasciata. Il Suo Messaggio è terminato, ma lo rivedrete. "
E aggiunge (Maddalena ha ripetuto ad alta voce) :
" Per cujus Imperti Nomen est in Aeternum, ab omni malo libera nos Domine. "
L'Arcangelo le dice senza precisare di ripeterlo :
" Ciò vuol dire: "Per Colui il cui Nome ha un Regno eterno, da ogni male liberaci, Signore."
L'Arcangelo dice : " Dite questo ad alta voce : " Dio rimprovera ai Sacerdoti la loro lentezza nell'adempimento del loro compito e la loro incredulità. Dio ha chiesto a loro di annunciare al mondo le meraviglie di Colui che ha chiamato Maddalena dalle tenebre alla Sua ammirabile Luce, poiché la Croce Gloriosa abbellirà la città di Dozulé. Ma essi non l'hanno fatto. Questo è la causa della mancanza di acqua in quella vasca. Una grande calamità di siccità si abbatterà sul mondo intero. Che i Sacerdoti leggano attentamente il Messaggio e rispettino scrupolosamente ciò che è stato loro chiesto. "
" Chiedete alla persona qui presente che vi dia un cero."
(A Suor B.).
Quando Maddalena ha preso il cero, l'Arcangelo ha detto :
" Deponetelo acceso nel punto in cui il Cristo vi ha lasciata. Altrettanto facciano tutti coloro che verranno in questa Cappella. " ( Un istante dopo ) " Avete tutta la giornata per dirlo al Sacerdote e alle persone che desiderano ascoltarvi, ve ne ricorderete, essi saranno sorpresi della vostra memoria. Che il Sacerdote trovi una persona che rilegga tre volte il Messaggio e che lo ripeta ; essa non ne sarà capace. "
L'Arcangelo guarda Maddalena e prosegue :
" Scrivete a casa ciò che vi dico. Consegnerete questo scritto al Sacerdote quando vi avrà detto : " Ho un appuntamento in Curia la settimana del Sacro Cuore. "
Fate una novena che comincerete il giorno del Sacro Cuore. Questa novena si compone di un mistero al giorno, i misteri che vi sono stati insegnati. In seguito andate a vedere il Vescovo. Gli direte che è Dio che vi manda. Dategli il Messaggio completo, affinché ne prenda conoscenza. Le porte s'apriranno, il cuore del Vescovo capirà. "
Maddalena ha dunque conservato preziosamente questo scritto in attesa degli eventi.
Il mercoledì 12 giugno, il Sacerdote è venuto a dirle : " Ho un appuntamento in Curia la settimana prossima." Lei gli ha detto : " E' la settimana del Sacro Cuore. " Il Sacerdote : " Non lo so. " Maddalena : " 0 Ne sono certa. " E nello stesso istante gli ha consegnato il suo scritto, cioè quanto l'Arcangelo le aveva detto di scrivere.
Si sentiva spinta ad andare a vedere il Vescovo ed era proprio la settimana del Sacro Cuore. Tutti insieme hanno fatto una novena a partire dal giorno del Sacro Cuore. Maddalena voleva recarsi dal Vescovo. " Ma non è possibile incontrare il Vescovo in questo modo, devo prima prendere un appuntamento ", le ha detto il Sacerdote, " bisogna obbedire. " Maddalena scrive : " Si deve sempre obbedire, intanto avevo voglia di disobbedire perché sapevo che era Dio che m'aveva dato questo slancio. Uno slancio inesplicabile mi dava la forza di andarci. La mia delusione era così grande. " Maddalena ne ha pianto, certa che il Vescovo l'avrebbe ricevuta. Per far piacere agli uomini, ha disobbedito a Dio. " Credo che Dio me lo rimproveri " dice. Non aveva alcun mezzo di trasporto, se non un ciclomotore e la Curia è abbastanza lontana. Vi è andata 3 mesi più tardi " Non c'era più lo slancio, la grazia era passata " essa dirà più tardi.
Maria Le Reposoir

Haute Butte

de Dozulé

Il primo venerdì del mese di giugno 1974
Gesù non è apparso.

SEGUITO
App. 1-7 App. 8-14 App. 15-16 App. 17 App. 18-22 App. 23-28 App. 29-34 App. 35-44 App. 45-49

Per ogni corrispondenza :

GLI AMICI DELLA CROCE GLORIOSA
("Les Amis de la Croix Glorieuse" - A.C.G.L.)
171, rue de l'Université - 75007 PARIS (FRANCIA)
Permanenza : del Martedi al Venerdi giù da 14 a 17 ora
Assegno postale : 21228 53-E Paris (FFR)
   Tel. : 33 (0)1 47 53 06 23